3 Errati Stili di Vita che ti Allontanano dalla Ricchezza

  • Post author:
  • Post category:Finanza personale
  • Ultima modifica dell'articolo:22 Aprile 2021
3 Errati Stili di Vita che ti Allontanano dalla Ricchezza

Fermati per strada e guarda passare davanti a te 100 persone, tra queste 100 persone una sola sarà ricca e pochi altri saranno indipendenti economicamente da poter mantenere il loro stile di vita attuale anche in futuro.

Le restanti 90 persone avranno grandi problemi a mantenere il loro attuale tenore di vita in futuro. In questo numero ci rientrano in tanti, come dipendenti, pensionati, liberi professionisti.

La maggior parte della popolazione insomma.

Se non riesci a raggiungere l’indipendenza finanziaria da consentirti di vivere di rendita, forse è il caso che vedi se appartieni a questi 3 errati stili di vita, se appartieni al quarto ti faccio i complimenti.

L’ Errore fondamentale

Lo stato non ti lascerà morire di fame, andrai in pensione se hai versato i contributi, e se non lo hai fatto c’è sempre la pensione sociale.

Nel primo caso la tua pensione sarà molto più bassa del reddito che percepivi da lavoratore, dipendente o autonomo, nel secondo (con la pensione sociale) riuscirai a mala pena a vivere, perché accade ciò?

Nella maggior parte dei casi, la risposta sta nel cosa decidi di fare con i soldi che entrano nella tua vita.

Hai scelto il tuo attuale stile di vita finanziario, magari inconsapevolmente.

L’ errore grave però è che non lo correggi.

4 Stili di vita finanziari

Le persone possono essere racchiuse in 4 stili di vita finanziaria.

Gli indebitati cronici

debito
Troppi debiti

Lascia perdere il domani, viviamo per oggi

In questa frase è racchiuso il loro stile di vita. Costruito sui debiti e sulle carte di credito.

Per loro pagare in contanti e quasi un sacrilegio, probabilmente cambiano auto di frequente, e non si accontentano delle utilitarie; sfoggiano sempre l’ultimo modello di smartphone, vanno sempre in giro vestiti all’ultima moda e vivono in una grande e bella casa ovviamente finanziata con un mutuo.

Il mutuo è finanziato con poche garanzie, così come le auto sono prese con i finanziamenti.

Le carte di credito per loro sono fondamentali, più le possono usare e più sono felici, per loro è denaro gratis, tanto quel 3-4 % che si prendono ogni mese è poca roba. E saranno anche contenti perché più spendono e più raccolgono punti ( si, ho sentito anche questo più di qualche volta).

C’è la settimana bianca da fare, ma sfortunatamente il limite della carta di credito è stato superato. Nessun problema, si fa una finanziaria.

Queste persone possono facilmente deragliare, perché non solo non accumulano ricchezza, ma fanno debiti, tanti. Una malattia, una perdita del lavoro, un incidente e succede un disastro.

Il resto della storia è scritto. Le auto vengono messe in vendita, la casa ipotecata viene pignorata, se hanno altri beni di valore come gioielli vengono messi all’asta, tutto per far fronte ai debiti.

Magari vicini e conoscenti rimangono perplessi, sembrava tutto ok e pure si sono ritrovati in una situazione così poco piacevole, come mai? Sono stati sfortunati?

No. Semplicemente hanno speso il domani per l’oggi, sono andati oltre le loro possibilità come tenore di vita e ora stanno pagando il conto.

I consumatori

shopping
Shopping

I consumatori invece non spendono con la carta di credito, e questo è un bene perché non fanno debito, ma spendono tutto il loro reddito.

Guardano quanto hanno sul conto e poi spendono più che possono.

Spendendo sempre tutto non possono permettersi di fare un acquisto importante, una casa, un’auto, l’ultimo telefono alla moda.

Quando devono fare un’acquisto del genere, il loro ragionamento è uno solo “posso permettermi di pagare la rata mensile?”

Non valutano quanto gli verrà a costare di più o per quanto tempo si impegnano in un pagamento. A loro questo semplicemente non interesse, stanno acquistando qualcosa.

Il loro credo è guadagnare per poi spendere.

Magari sanno che possono mettere qualcosa da parte per il futuro anche in modo abbastanza facile, e lo vorrebbero anche fare, ma sono troppo impegnati adesso, serve la tv nuova, la macchina, le vacanze di lusso e tante altre cose.

Loro non posseggono le cose, ma viceversa.

Sicuramente il loro stile di vita è migliore degli indebitati cronici, ma qualsiasi imprevisto nella loro vita avrà lo stesso conseguenze disastrose. Senza un paracadute dove potersi appoggiare e un piano di risparmio a lungo termine per avere la libertà finanziaria, vivranno una vita in perenne affanno fin quando non andranno in pensione o non possono più lavorare.

In quel momento il loro tenore di vita di abbasserà drasticamente.

I materassai

banca
Banca

Sapete il detto, “tenere i soldi sotto il materasso”, eccoli.

I materassai sono più accorti. Guardano al reddito che hanno e risparmiano più che possono.

Il loro unico obiettivo è far salire il conto in banca, di tanto o poco a loro non interessa.

In genere sono solidi economicamente e non di rado li possiamo classificare come avari. Se sono agli inizi del loro percorso sono ancora vulnerabili agli imprevisti della vita come le altre 2 categorie, altrimenti avranno accumulato un bel gruzzolo che li farà stare abbastanza tranquilli.

Di certo non potranno permettersi di andare oltre un certo limite, la loro ricchezza non aumenterà più una volta che terminano di lavorare, perché verrà erosa costantemente dall’inflazione. Ma se stanno lavorando o sono andati in pensione, è difficile che vadano in crisi e di solito possono vivere in maniera più che dignitosa.

Il loro problema maggiore però è la mentalità, perché tendono solo ad accumulare il denaro senza farlo lavorare, e spesso questo modo di fare se lo portano dietro per tutta la vita.

Le banche vanno a nozze con loro, possono contare su soldi depositati che possono utilizzare come vogliono.

I lungimiranti

investitore
Investitore

Il quarto gruppo invece è il più saggio, ma sfortunatamente è il più piccolo. Mentre i primi due gruppi hanno il focus sulle entrate, il terzo guarda al conto in banca, i lungimiranti guardano al conto in banca ed a come farlo aumentare.

Le entrate saranno uguali o anche inferiori rispetto agli altri 3 gruppi di persone, ma probabilmente avranno più soldi da spendere nel corso della loro vita e più anni per goderseli perché lavoreranno meno.

Ma perché, cosa fanno?

La prima cosa è accantonare ogni mese una percentuale del loro stipendio per la futura libertà finanziaria, almeno il 10% ma anche di più.

Sono molto contenti di aderire a possibilità di investimento a basso costo e a basso rischio.

E i debiti? Si, a volte possono averli, ma solo di quelli buoni. Quindi può essere un mutuo per la casa, spese sanitarie o investono sul loro futuro per aumentare il potenziale di guadagno.

Magari comprano auto usate dopo 2-3 anni perché sanno che c’è la svalutazione maggiore in questo primo periodo. In poche parole i costi maggiori li lasciano a chi ha comprato l’auto nuova.

Di carte di credito ne usano poco o niente, e se le usano cercano di saldare il prima possibile il tutto.

Quindi vivono di stenti? No, tutt’altro, dopo che hanno iniziato a mettere da parte un po’ di soldi, mese per mese, godono dei frutti di questi investimenti. Vacanze, vestiti alla moda, cene, tutto quello che i soldi possono comprare, ma non a credito.

Impegnandosi sul lungo periodo ad accantonare un po’ del loro reddito attuale, rischiano un giorno di poter vivere totalmente di rendita, avendo più soldi di quelli che spendono.

Cambia approccio per diventare ricco

idea
Pensa diversamente

Se sei arrivato fin qui vuol dire che tieni al tuo benessere finanziario futuro, e hai capito che vuoi far parte anche tu del quarto gruppo, se lo sei già ti faccio i complimenti, se non lo sei è ora di iniziare a muoversi.

Prima di iniziare ad investire devi cambiare mentalità, il tuo approccio al denaro deve essere diverso se appartieni ad uno dei primi 3 gruppi.

Inizia a fare queste 3 cose:

  • Pensa diversamente, inizia a ragionare come il quarto gruppo, non pensare al denaro come ad un bene attuale, pensalo come qualcosa che ti può tornare domani in modo maggiorato.
  • Estingui i debiti se ce li hai ed evita di farli se non sono per cose veramente necessarie o è buon debito (istruzione, salute, casa).
  • Creati un fondo per le emergenze, 3 mesi è il minimo, ma ti consiglio di almeno 6 mesi per stare più tranquillo.

Se vuoi iniziare ad investire inizia da queste cose.

Lascia un commento