IPO (Offerta Pubblica Iniziale)

Investire nelle IPO

Vuoi investire nelle IPO (offerta pubblica iniziale), ma non sai bene come si fa?

Vuoi capire in modo semplice cosa sono e perché sono importanti per te investitore privato?

Bene, vediamo cosa sono, dove vedere la lista sempre aggiornata di quelle in arrivo e come poter partecipare anche tu a questa torta.

Iniziamo.

Cosa sono le IPO? Definizione e significato

Cos’è una IPO (offerta pubblica iniziale) ? Semplicemente è un’offerta al pubblico dei titoli azionari di una società che vuole quotarsi alla borsa valori per la prima volta.

Una società che prima era detenuta da privati, decide di frazionare la sua proprietà e metterla in vendita al pubblico, può farlo per diversi motivi, generalmente per raccogliere capitali (il valore rastrellato dalla vendita di queste azioni va nella società).

Ma può farlo anche per benefici organizzativi, in quanto le società quotate sono dovute ad una maggiore trasparenza, e anche fiscali a volte.

In gergo si dice che la società viene collocata in borsa.

Chi acquista queste azioni non lo sta facendo in borsa, ma direttamente dalla società che le emette, al prezzo di collocamento stabilito, e questo fa una grande differenza.

Se acquisti, lo stai facendo prima che iniziano gli scambi, e visti i rialzi che solitamente hanno queste società, di solito è un buon affare.

Media rendimenti IPO
Media rendimenti delle IPO

Come puoi vedere dallo screen (documento completo ufficiale) alla chiusura del Lock UP il rendimento è del 60%, qui hai l’accesso alla lista di quelle in arrivo sempre aggiornata.

Altri metodi di accesso al pubblico da parte delle aziende

Ci sono altri modi con cui un’azienda può accedere al pubblico, sono meno utilizzati ma per completezza d’informazione vediamoli.

  • Quotazione diretta. In questo caso una società quota le proprie azioni in borsa senza alcun sottoscrittore, semplicemente agli azionisti che detengono quote dell’ azienda viene permesso di venderle. Viene scelta da imprese che non vogliono emettere nuove azioni. I tempi sono molto più stretti rispetto alle IPO classiche, come anche le spese.
  • Asta olandese. Si ha quando il prezzo dell ‘IPO è dato dal numero di azioni che gli investitori vogliono comprare e dal prezzo che sono disposti a pagare. Il prezzo più alto che viene fuori da quest’asta, sarà il prezzo di collocamento in borsa. L’ asta olandese è abbastanza utilizzata e a ragione, perché la società e gli azionisti evitano di incappare in ribassi dopo il collocamento, visto che il prezzo è stato fatto stesso dagli investitori.
  • Acquisizione inversa. Si ha quando una società privata già quotata assume il controllo di una società pubblica. Anche in questo caso spese e tempistiche sono minori.
Leggi anche:  Speculazione finanziaria: che cos'è e come si differenzia dall' investimento

Vantaggi e svantaggi di una IPO

Vediamo in breve quali sono i pro e i contro di una Offerta Pubblica Iniziale.

Pro

  • Grande raccolta di capitali da parte dell’ azienda.
  • Possibilità per il pubblico di detenerne quote.
  • Maggiore trasparenza fiscale, amministrativa e patrimoniale in quanto soggetta a maggiori controlli.

Contro

  • Controlli maggiori da parte di enti esterni che ne possono limitare la capacità operativa.
  • Costi significativi per la quotazione (legali, contabili e per la collocazione vera e propria).
  • Rendicontazione pubblica.

Come si fa?

Borsa valori
Borsa valori

Le IPO, in inglese Initial Public Offering, sono operazioni finanziarie abbastanza complesse e le imprese possono seguire strade diverse per farle

Le differenze sostanziali si hanno nel modo di determinare il prezzo di collocamento delle nuove azioni in borsa (cioè io che voglio comprare a che prezzo le acquisterò) e anche per il modo di distribuzione dei titoli agli investitori.

Il primo aspetto è importante perché bisogna valutare se il prezzo è equo, più basso o più alto rispetto al reale valore dell’azienda.

In genere il prezzo lo determinano in base alle offerte che ricevono dagli investitori istituzionali, oppure tramite asta o si mette un prezzo fisso determinato da analisti che rispecchia i possibili flussi di cassa futuri dell’ azienda, cioè i guadagni.

L’ ultimo è il metodo più utilizzato, prendendo a riferimento la media del settore di riferimento o comunque imprese simili.

Il secondo aspetto anche ha una sua valenza perché le richieste generalmente sono sempre più alte dell’offerta.

In queste operazioni ci sono analisti e intermediari che coadiuvano l’impresa affinché il processo venga svolto nel migliore dei modi in tutte le diverse fasi.

Si effettua la revisione contabile dell’azienda per verificarne il suo stato.

Se tutto è ok, si presenta domanda agli organi che vigilano sulla borsa dove avverrà la quotazione.

E se tutto alla fine è andato nel verso giusto, si giunge ad un accordo sul prezzo tra intermediari e/o banca d’investimenti e società (l’impresa deciderà il numero di azioni circolanti).

Si presenta l’IPO prima della collocazione effettiva sia a grandi investitori che alla stampa in generale.

Nel prospetto di collocamento vi è un range di prezzo, quello effettivo viene comunicato solo pochi giorni prima del collocamento.

Quanto dura

Tempo e investimenti
Tempo e investimenti

In genere le IPO durano da 3 a 6 mesi, questo periodo è chiamato di Lock Up perché chi ha acquistato i titoli o li deteneva prima dello sbarco in borsa non può venderle per un periodo di tempo stabilito, in genere va da 90 a 180 giorni.

Questo viene fatto per non sommergere la borsa di azioni della società e sostenerne il prezzo, perché chi le ha potrebbe essere propenso a venderle.

Visti i rialzi iniziali anche corposi che di solito si verificano al lancio delle IPO.

Non è la borsa che mette questo blocco, ma la società stessa o è richiesto dai grandi investitori, ed è un bene per te investitore, perché in un certo modo se riesci a partecipare all’ IPO il prezzo viene sostenuto.

Leggi anche:  Cos' è l' interesse composto, formula, calcolo e dove investire

Al termine del Lock Up tutte le azioni possono essere scambiate sui mercati finanziari a tutti gli effetti come le altre società già quotate.

IPO e OPA, differenze

L’ IPO si apre al pubblico, l’ OPA si chiude, in quanto un solo soggetto tenta di accaparrarsi tutte le azioni di una società quotata e quindi di prenderne il controllo, questa è la differenza sostanziale.

L’ OPA, offerta pubblico d’ acquisto, è in sostanza un’ esortazione agli azionisti di una società a vendere, da parte del soggetto che presenta la sua offerta ad un prezzo stabilito.

Il prezzo generalmente è superiore a quello in borsa, per dare un premio/incentivo a chi vende.

Se chi lancia l’ OPA arriva al 90% delle azioni della società, il soggetto può lanciare un’ offerta residuale per accaparrarsi le restanti azioni flottanti e quindi togliere la società dalla quotazione in borsa.

Il cosiddetto delisting.

Se un azionista non vuole vendere può farlo, cioè vuole resistere, ma se chi lancia l’ OPA arriva a detenere il 98% delle azioni, è costretto a vendere ad un prezzo stabilito da organi esterni, di solito un perito.

Come investire nelle IPO

IPO Freedom 24 (Freedom Finance)

Per te che sei investitore privato, questa è una grande opportunità, visto che al termine del periodo di Lock Up le IPO registrano apprezzamenti in borsa dal 60 al 70 %.

Se tu ci investi ora 1.000 euro, fra 3-6 mesi avrai 1.600 euro, stupendo no?

Il problema è che per i piccoli investitori le porte sono sbarrate in quanto ci sono vincoli d’accesso insuperabili. In poche parole o hai milioni di euro da investire o altrimenti non puoi.

Fortunatamente le cose sono perché c’è una piattaforma di trading che permette ciò in maniera facile e veloce.

Clicca qui per accedere alla piattaforma.

Ovviamente non è detto che riuscirai a comprare tutte le azioni che vuoi, perché la domanda supera generalmente l’offerta.

Se magari vuoi comprare titoli per un valore di 1.000 euro ne riuscirai a comprarne per 800, ma comunque hai questa possibilità che fino ad ora ti era preclusa.

In genere si cerca di accontentare tutti, anche i piccoli azionisti, in maniera proporzionale.

In pratica

Io personalmente destino 1/20 circa dei miei fondi alle IPO, quando finisce il periodo di Lock Up vendo, in modo da avere una parte del portafoglio sempre liquida e quando si presenta l’occasione non devo toccare gli altri investimenti.

In genere la maggior parte delle IPO vede aumentare vertiginosamente il valore delle azioni sottostanti, abbiamo detto con una media del 60-70 %, quindi un guadagno assurdo in pochi mesi, oserei dire quasi matematico, dovuto in massima parte all’ euforia per la collocazione della nuova società.

Leggi anche:  Le 12 migliori azioni da comprare nel 2022 e con quale broker

Ecco perché tutti vogliono partecipare.

Poi ci sarà la società che al termine del periodo di Lock Up sarà salita del 200 % e un’altra del 10%, una del 70% e magari una che perderà il 5%, la cosa che interessa a te come investitore è che in media i titoli si apprezzeranno del 60%.

Siccome non puoi sapere quale IPO si apprezzerà di molto e quale di poco, per non rischiare nulla io partecipo a tutte quelle che posso, e poi al termine del periodo di Lock Up vendo.

A prescindere dalla società che ho, qualsiasi essa sia.

Se una IPO ti interessa, ti prenoti prima tramite la piattaforma in base alla forchetta di prezzo e poi procedi quando i titoli sono acquistabili.

Se adotti questo approccio sei sicuro che prenderai la media del mercato.

Di IPO alla borsa italiana ce ne sono pochissime, ma non è importante, tutte le migliori si quotano alle borse USA ed è su quelle che investo anche io.

Quindi fatti trovare pronto se hai intenzione di investire nelle IPO.

Come puoi avere più azioni dell’ IPO

Visto che il numero di azioni da distribuire è definito, e di solito la richiesta supera di gran lunga l’offerta, può capitare che ricevi meno azioni di quante ne hai prenotate.

Questo perché la possibilità di poter accedere al collocamento in borsa di un’ azienda è un servizio premium, il modo migliore per farlo è aumentare il tuo rating.

Rating che viene assegnato in base alla partecipazione alle IPO passate e in base al tuo portafoglio d’investimento, più investi e più aumenti il rating, solitamente funziona così.

Il consiglio quindi è quello di investire normalmente in azioni o comunque come si è soliti investire, e nel frattempo si fa aumentare il rating a livello massimo, il 5.

Attenzione ai CFD

Molte piattaforme di trading e di investimento permettono l’acquisto di CFD basati sull’ IPO sottostante.

Attenzione, si tratta di derivati molto rischiosi, e materialmente non stai acquistando il titolo della IPO in questione.

Stai speculando non investendo.

Sono poche le piattaforme che permettono questo, solo alcune più evolute.

Quindi se volete acquistare realmente le azioni di una IPO, vi basta accedere a Freedom 24.

Nuove IPO in arrivo aggiornate

Tener traccia di tutte le IPO in calendario è difficoltoso se non si ha una piattaforma che le raccolga tutte, perché, in particolare sul mercato americano, continuamente vengono collocati nuovi titoli.

E globalmente ancora di più, ogni anno se ne collocano nelle varie borse più di 1.000 con punte anche in qualche anno di 1.600, quindi a stare bassi circa 3 al giorno.

Se vuoi essere sempre aggiornato clicca sul pulsante in basso e troverai sempre le ultime in arrivo e quelle prossime, con una selezione delle migliori, dove potrai andare a vedere anche quelle passate e il rendimento che hanno avuto.

Articoli simili

2 Commenti

  1. Salve sono Gianni,
    Desidero sapere i costi e rischio con le Ipo
    E se posso iniziare investire con la mia banca
    A risentirci presto

    1. Ciao Gianni,
      ogni piattaforma ha i suoi costi, devi leggerti le condizioni specifiche, i rischi ci sono sempre in ogni investimento, con la tua banca prova a chiedere, ma in genere è un servizio che pochi operatori offrono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.