Piano d' azione

4 regole fondamentali per iniziare ad investire

Se devi investire non puoi semplicemente alzarti una mattina, aprire il pc e scegliere qualche titolo in base all’ umore del momento o leggendo qualche notizia qua e la, assolutamente no.

Devi avere un quadro, un approccio da seguire, un modo di pensare, un piano che ti faccia tenere la barra dritta, altrimenti facilmente ti ritrovi a perdere soldi, nel dettaglio vedrai:

  • Le linee guida fondamentali per investire in azioni in borsa con successo.
  • Quali sono le cose che contano e quali no.
  • L’ importanza di farti le tue analisi e capire determinati aspetti dei bilanci finanziari delle società.
  • Il peso dei costi e delle commissioni e che impatto hanno sul lungo periodo.

La selezione dei titoli è alla portata di tutti

Investire con successo è semplice, ma non è facile, ci vuole duro lavoro, disciplina e tempo, se il tuo scopo è ottenere ritorni ben superiori alla media del mercato. Non ci sono formule magiche ne garanzie di successo se non ti impegni, queste sono le cattive notizie.

Le buone che i principi di base del successo nella selezione delle azioni non sono difficili da capire e gli strumenti per fare ciò sono disponibili gratuitamente o ad un prezzo molto modico, quindi niente software costosi o consulenti che ti chiedono tanti soldi.

investimenti
Investire è semplice

Devi pensare in modo indipendente, a prescindere da cosa dicono e fanno gli altri, anche se fosse il miglior investitore del mondo; devi solo preoccuparti se il tuo ragionamento è giusto o meno, stop.

In realtà non ti serve neanche molto, una buona dose di pazienza, capire alcuni aspetti cruciali della contabilità e una buona dose di scetticismo, tutte cose alla portata di chiunque, e perderci del tempo.

Alla fine il processo d’ investimento e di selezione dei titoli consiste nell’ analisi dell’ azienda e nel valore del corrispondente titolo azionario, evitando di confondere i due, perché non è detto debbano coincidere una grande aziende e un grande titolo.

Un’ azienda può essere ottima e il titolo pessimo, e anche viceversa.

Non devi mai perdere di vista il fatto che acquistare un’ azione in borsa vuol dire acquistare un’ azienda vera, diventarne coproprietari.

Quindi guarda alle cose che contano veramente (utili, valutazione, situazione debitoria ecc.) e lascia perdere il resto (tipo se il titolo è salito o meno, cosa pensano gli analisti ecc.).

Il tuo focus su alcune cose importanti

Il tuo obiettivo deve essere quello di trovare ottime aziende quotate a prezzi ragionevoli, perché le grandi aziende creano ricchezza e questo si rispecchia nel loro valore azionario.

Nel breve periodo i mercati sono capricciosi, ma nel lungo periodo il valore delle azioni tende a seguire quello dell’ azienda sottostante.

Al centro di tutto vi è il business, per questo ti vedi concentrare sugli aspetti finanziari e sul rendimento, lasciando perdere cosa ne pensano analisti ed esperti, previsioni e modelli grafici, lascia queste cose a chi tratta i mercati come un gioco d’ azzardo.

Leggi anche:  I 7 peggiori errori quando investi e come evitarli

Se vuoi il successo duraturo devi sporcarti le mani (neanche tanto in realtà), capire le aziende sottostanti i titoli e avere un’ orizzonte temporale lungo, anche per sempre, perché sul breve concorrono diversi fattori imprevedibili e sconnessi spesso dalla realtà.

azienda business
Azienda

Devi avere per forza un approccio di lungo periodo, lo sottolineo perché è fondamentale, non ti interessa cosa succede nel breve, così facendo risparmi anche su tasse e commissioni, che sul lungo periodo hanno un grande impatto.

Devi avere il coraggio delle tue convinzioni, anche se ciò ti porta a prendere posizioni diverse dalla massa, spesso su alcuni titoli troverai opinioni contrastanti, ma ciò non ti deve influenzare, anzi, spesso proprio queste sono le migliori.

La tua opinione deve cambiare solo se ci sono dei fatti oggettivi che giustificano ciò, non perché ci sono alcune notizie negative o qualche esperto asserisce questo, assolutamente, il tuo successo negli investimenti dipende dalla disciplina, non se la folla è d’ accordo o meno con te.

Regole fondamentali per investire con successo

Se vuoi fare bene abbiamo detto che devi avere un quadro, un modo di pensare, una filosofia, e devi seguirla, se fai ciò, sei paziente e ti isoli dalle opinioni altrui, probabilmente avrai successo, se invece ti senti frustrato e devii da quanto stiamo per dire, rischi di finire nei guai, che sui mercati finanziari vuol dire perdere denaro.

Considera questa road map come il tuo timone che ti fa mantenere la rotta, torna qui magari ogni tanto se ti rendi conto di divergere dai tuoi propositi, eccoti le regole da cui partire.

1. Fai i compiti

Devi studiarti bene i titoli che vuoi acquistare, conoscere bene l’ azienda e il suo business, insieme al contesto in cui opera, dentro e fuori, altrimenti non fare nessun acquisto, e per fare ciò la cosa fondamentale è comprendere la contabilità.

Questo ti consente di poter decidere in autonomia senza affidarti alle opinioni di nessuno sulle condizioni finanziarie di un’ azienda.

Stai rischiando i tuoi soldi dopo tutto, quindi devi sapere cosa stai acquistando, e siccome ci sono molte zona d’ ombra e interessi trasversali, spesso non sempre evidenti anche ad un occhio attento, o a non pensar male almeno opinioni superficiali, non devi credere a cosa dicono gli altri.

In poche parole i compiti devi farteli tu, e nessun altro, d’ altronde i bilanci sono pubblici per tutti.

L’ investitore intelligente deve avere abbastanza forza di volontà che lo trattenga dal seguire la folla.

Benjamin Graham

Per questo è importante che riesci a masticare la contabilità e la situazione finanziaria di una società, una volta che lo sai fare ti metti con calma e te lo studi, non solo l’ ultimo ma anche quelli passati e la concorrenza.

Prendi ciò come un periodo di riflessione, se vuoi evitarti investimenti scadenti.

Lascia stare le voci allettanti su un titolo, mantieniti discreto e fatti le tue valutazioni, magari scopri che quel titolo tanto di moda non è poi cosi attraente come la pensano gli altri.

Ma se realmente quel titolo è vincente e sei un investitore di lungo periodo, perdere un paio di punti percentuali iniziali per farti le tue valutazioni con calma non farà una grande differenza sulle performance del tuo portafoglio, anzi, ti farà solo bene perché ti evita di prendere cantonate con titoli scadenti che possono esporti a grandi perdite.

Leggi anche:  Quando vendere le azioni, 6 aspetti da considerare

2. Trova aziende redditizie

A separare un’ azienda scadente da una buona e una buona da una ottima è la redditività, questa consente ad un’ azienda di essere competitiva sul mercato in cui opera.

In ogni economia competitiva il capitale tende ad andare nelle aree più redditizie, questa è un’ ottima cosa ma c’è anche il risvolto della medaglia, perché più aziende si ritrovano a competere sullo stesso prodotto/servizio, e più la concorrenza è spietata.

Ciò si traduce nel tempo in un abbassamento graduale dei profitti nel tempo e costi maggiori per migliorare il prodotto.

Per un’ azienda è molto difficile mantenere un certo livello di rendimento nel tempo, ecco perché è indispensabile individuare i fattori che permettono ciò.

Una volta che li hai individuati hai fatto un grande passo perché probabilmente hai trovato un’ azienda top.

3. Lasciati sempre un margine di sicurezza

azioni in borsa
Azioni in borsa

Ok, hai trovato un’ azienda che rientra nei tuoi parametri d’ investimento, ma devi anche darci una valutazione, non puoi semplicemente trovare un titolo e pagare qualsiasi prezzo a cui è quotato, perché se è troppo alto i tuoi rendimenti saranno deludenti.

Il tuo obiettivo deve essere di acquistare ad un prezzo inferiore al reale, a sconto quindi, purtroppo però anche queste stime sul reale valore di un’ azienda quotata in borsa sono falsate perché generalmente tendono ad essere eccessivamente ottimistiche.

E quando ciò accade, il futuro si rivela ovviamente peggiore di queste previsioni, e va a discapito degli azionisti.

Per compensare ciò devi acquistare soltanto titoli che vengono quotati molto meno della tua stima sul loro valore reale, e questa differenza tra la nostra stima e il valore effettivo del mercato è il tuo margine di sicurezza.

Ad esempio, se un titolo ha un P/E (Price/Earnings o rapporto Prezzo/Utili) reale di 40, secondo le nostre stime, meglio pagarlo 32 per avere un margine di sicurezza se le cose dovessero mettersi male, ecco perché è importante averlo sempre.

Non solo, ma potrebbe anche essere che hai sbagliato sopravvalutando l’ azienda, in questo caso hai un cuscino che mitigherà le perdite dell’ investimento.

Un parametro variabile

Più l’ azienda è solida e stabile e minore può essere il margine di sicurezza, viceversa con aziende dal futuro incerto dovrebbe essere maggiore. Se prendi un’ azienda come la Apple probabilmente anche un 15-20 % di margine va più che bene, discorso diverso invece se magari acquisti un titolo che si occupa di abbigliamento per adolescenti che deve stare dietro ai loro capricci.

Per fare ciò devi essere molto disciplinato, non devi farti prendere dalla smania di comprare o pensare che se non acquisti subito perdi quel treno per sempre, e devi essere molto rigoroso anche nella valutazione.

Azioni Tesla al 27/09/2021
Azioni Tesla sovraquotate

Sicuramente è vero che puoi perdere qualche punto percentuale di guadagno se l’ azienda merita veramente, ma come ti ho detto è poca cosa sul portafoglio, ma pensa al rischio che corri se incappi in una pessima azienda che brucia i tuoi investimenti?

Se fai così stai speculando senza neanche accorgertene.

Immagina quanti soldi risparmi in questo modo, evitandoti le tante brutte aziende in circolazione.

Leggi anche:  Il flusso del denaro dagli investitori all' azienda e come ritorna

Non puoi prevedere il futuro, ma se aspetti abbastanza a lungo per quasi tutti i titoli arriva il momento che puoi comprarli a sconto.

Poi è vero, ci sono alcuni titoli che continuano a salire anno dopo anno e l’ occasione di comprarli a sconto non arriva mai, ma pensala così, fare meno soldi è sicuramente meglio che perdere quelli che già hai.

Metodo di valutazione approssimativo

Un metodo empirico per avere un’ idea della valutazione di un titolo è guardare allo storico del suo P/E degli ultimi 10 anni.

Se ad esempio un’ azione adesso ha un P/E di 40 e la media degli ultimi 10 anni è stato 25, stiamo comprando nella fascia alta del prezzo, e per giustificare un tale acquisto dobbiamo essere sicuri che le prospettive attuali dell’ azienda siano ben migliori degli anni passati.

Considera sempre che la valutazione che il mercato da ad un titolo oggi è generalmente sempre superiore rispetto al passato, proprio per l’ eccessivo ottimismo che tende a sovrastimare le prospettive di crescita.

Quindi se compri ad un prezzo troppo alto rischi di ritrovarti un titolo che sottoperforma il mercato negli anni a venire.

La cosa che devi imprimerti bene in testa è che devi essere disciplinato e conservatore nel valutare i prezzi che sei disposto a pagare, se no alla fine te ne pentirai.

La valutazione di un titolo è un aspetto cruciale negli investimenti, questo è un metodo empirico che abbiamo visto, ma ci sarà un articolo dedicato dove vedremo la cosa in modo più dettagliato in modo da poter stimare con buona approssimazione il valore di un’ azienda.

4. Investi pensando al lungo periodo

Interesse composto su 30 anni
Interesse composto su 30 anni partendo con 1.000 euro stimando un ritorno del 30%

L’ acquisto di un titolo in borsa è una cosa seria, importante, deve essere per te un impegno a lungo termine perché il trading è un gioco da perdenti, costi e tasse altrimenti si cumuleranno nel tempo e creano un ostacolo insormontabile o erodono quasi tutto il tuo profitto.

Ogni euro risparmiato oggi ha un grande impatto sul tuo portafoglio quando l’ interesso composto si cumula nel tempo.

Ad esempio 1 € che spendi oggi, equivale a perdere 5,60 € se hai una rendita del 9% in 20 anni, 500 € di spese attuali ti faranno perdere 2.800 €.

Qualunque movimentazione non necessaria al tuo portafoglio stai drenando soldi che non ti torneranno più, non solo, ma stai perdendo anche il possibile guadagno a venire, quindi un danno enorme.

Ecco perché devi pensare al lungo periodo, anni e anni intendo, anche per tutta la vita se un titolo è buono, ovviamente se hai delle buone motivazioni puoi anche vendere prima.

In breve

  • Il successo negli investimenti dipende dalla tua disciplina personale, non se la folla è d’ accordo o meno con te, ecco perché devi avere una solida filosofia d’ investimento.
  • Acquista un titolo solo se ne comprendi appieno il business dentro e fuori, prendendoti del tempo per fare le tue valutazioni con calma ti aiuterà nell’ evitare errori grossolani.
  • Poni l’ attenzione sulla redditività di un’ azienda, è un’ aspetto importante.
  • Acquista con un margine di sicurezza, migliorerai i tuoi rendimenti globali e avrai un paracadute nel caso le cose dovessero mettersi male.
  • Tasse e commissioni possono azzerare tutto quanto di buono riesci a fare, quindi investi sul lungo periodo.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.