IPO migliori

Le migliori 6 IPO nel 2022 e come accedervi

Andiamo a vedere le migliori IPO che sono in arrivo in borsa nel 2022, perché sono interessanti e i loro punti di forza e debolezza.

Le IPO, o offerta pubblica iniziale, è un’ offerta al pubblico dei titoli di una società che vuole quotarsi in borsa per la prima volta, per approfondimenti puoi vedere l’ articolo su come investire nelle IPO dove ne ho già parlato.

Adesso imparerai:

  • Cos’è un’ IPO e perché in genere sono redditizie.
  • Quali sono state le più redditizie del periodo 2020-2021.
  • Quali sono le IPO più attese del 2022 che meritano attenzione, il loro modello di business, il settore di riferimento e perché dovremmo investirci.
  • Quale piattaforma utilizzare.
  • Come riuscire a prendere più azioni possibili visto che la domanda è sempre molto alta e supera l’ offerta di gran lunga.

Andiamo.

Cos’è un’ IPO in breve

Un’ IPO è un’ offerta pubblica iniziale, dall ‘inglese Initial Public Offering, in pratica si tratta della prima emissione di azioni da parte di una società che vuole sbarcare in borsa.

Chi le acquista inizialmente non lo fa in borsa, ma direttamente dall’ azienda che si sta quotando, ad un prezzo di collocamento stabilito in precedenza.

Perché per te quest’ investimento potenzialmente è redditizio?

Guarda i dati in basso.

Media rendimenti IPO
Media rendimenti delle IPO

Quello che ti interessa è la percentuale di rendimento al termine del periodo di lockup, il +60%, questo puoi aspettarti in media.

Il periodo di lockup in genere dura da 3 a 6 mesi e chi ha acquistato i titoli non può vendere, e questo è un bene per te, perché quando poi partono gli scambi c’è sempre una grande aspettativa, in particolare se la società merita, e si hanno grandi rialzi già dal primo giorno.

Diamo un’ occhiata che rendimenti hanno avuto le prime 10 di maggior successo nel periodo 2020-2021.

SocietàRendimento fine lockupCollocamento
Upstart Holdings+475%19.03.2021
CureVac N.V.+436%17.11.2020
Prelude Therapeutics+341%29.12.2020
BioAtla+294%19.03.2021
Inari Medical+277%25.08.2020
Pulmonx Corp+263%04.01.2021
BigCommerce Holdings+246%06.11.2020
Berkeley Lights Inc+245%20.10.2020
Doximity+231%27.09.2021
COMPASS Pathways Plc+226%22.12.2020
Ipo di maggior successo al termine del periodo di lockup

Come vedi sono rendimenti enormi che non puoi mai avere qualsiasi strategia d’ investimento utilizzi, la cosa importante per te è la media alla fine del lockup, al 60%.

Per una selezione delle IPO clicca qui.

IPO migliori con probabile arrivo nel 2022

Starlink
Starlink

Nel mondo quasi 1 persona su 6 non ha un contratto di dati mobili perché non l’ha voluto fare ma soprattutto perché non ha copertura, e solo il 55 % delle abitazioni ha una connessione internet.

Parliamo di miliardi di persone che in prospettiva vorrebbero accedere a questo servizio ma che per problemi geofisici, politici o di costi non possono farlo, ecco che Starlink di Elon Musk vuole andare a coprire questa lacuna e quotarsi in borsa.

Persino nei paesi occidentali ci sono aree afflitte ancora dal digital divide e sono destinate a restare così generalmente per via dei costi non sostenibili delle linee ADSL tradizionali.

Starlink vuole essere il maggiore player mondiale per quanto riguarda la connettività a banda larga, e ha tutte le carte in regola per riuscirci.

La connettività che offre Starlink è basata sui satelliti nello spazio, ne deve lanciare 42.000 ma già oggi la rete è attiva e funzionante in vari paesi, ed è l’azienda al mondo col numero più alto di satelliti attivi attualmente.

Per farvi capire della grandezza del progetto, basta un solo dato, nei prossimi anni l’ azienda supererà di molte volte il totale dei satelliti lanciati da tutti gli stati del mondo e dai privati, quindi considerando sia quelli militari che per scopi civili.

Anche i costi non sono pochi, si stimano in circa 10 miliardi di dollari, ogni satellite per portarlo in orbita ci vogliono circa 700.000 $, ma la redditività non sarà da meno, sui 30 miliardi.

Leggi anche:  Investire nelle IPO

I test sono iniziati ad ottobre 2020 e sono durati un anno, e ci sono già i primi clienti che pagano 99 $ al mese.

Il suo vantaggio competitivo

In pratica Starlink non ha concorrenza in questo settore, potendo avere dalla sua le competenze apprese con SpaceX e sfruttare grandi economie di scala che hanno un grande impatto sul prezzo finale.

Ci sono altri operatori, vero, ma hanno costi maggiori, non hanno la sua capillarità e il servizio è decisamente inferiore.

Non è costretta a passare da altri per lanciare i satelliti ed è un business in un certo senso “sicuro”, non dovendo affrontare la concorrenza della telefonia mobile e fissa classica.

Per intenderci, se internet non è arrivata ancora in determinate zone, probabilmente la situazione rimarrà così anche nel futuro, e quindi Starlink si trova davanti a se praterie sterminate dove poter pascolare senza quasi alcun disturbo.

E poi non parliamo di una normale connessione, ma di una connessione ad alta velocità, i primi che l’ hanno provata, anche in zone remote ( con i satelliti non cambia se stai su un monte isolato o al centro di una grande città) parlano di 400 Mbps e con una bassa latenza, ma l’ obiettivo target è 1 Gbit/s.

Ciò grazie all’ orbita bassa dei satelliti.

2. Reddit

Reddit
Reddit

Probabilmente avrai sentito nominare Reddit ma non ti dice molto da italiano, anche se le cose stanno cambiando per il nostro paese, all’ estero invece è uno dei siti di social news e intrattenimento più utilizzati al pari di Facebook, Twitter e colleghi.

Si parla di 600-700 milioni di utenti attivi classificandosi al sesto posto mondiale tra i siti più visitati, e rappresenta davvero un luogo dove poter accedere a tante utili informazioni, dai più seri ai più futili.

Nel 2020 ha generato un utile di 142 milioni di dollari, e non è poco e non era tenuta neanche a comunicare i dati, visto che non è ancora quotata.

Il modello di business è simile alle altre aziende del settore, quindi visibilità e pubblicità nelle comunità che si creano e nei post degli utenti.

E offre anche la possibilità con un abbonamento mensile di accedere a contenuti esclusivi e di nascondere la pubblicità.

L’ azienda sta già monetizzando bene e ci sono ancora tante altre possibilità inesplorate.

Grazie ad un sistema a punti la comunità decide quali sono i contenuti migliori e che quindi verranno visualizzati prima, ecco a cosa è dovuto una parte del suo successo.

Punti a favore

Perché l’ IPO di Reddit dovrebbe essere un affare è semplice.

C’è un bacino enorme di utenti con un margine di crescita ancora vasto, ci sono paesi come il nostro dove ancora sta muovendo i primi passi.

Ha un sistema di contenuti che gli utenti adorano e quindi sono attivi, non parliamo del solito social dove ci si iscrive e poi ce lo si dimentica, assolutamente no, grazie al sistema a punti gli utenti sanno se un contenuto è valido o meno.

E quindi sono invogliati a tornare.

Ha possibilità di monetizzare i contenuti in maniera molto spinta, visto che fino ad ora questo è stato sfruttato solo in minima parte, e poi ha un marchio ormai consolidato e riconosciuto in tutto il mondo.

Aggiungici anche la pubblicità negativa che sta affliggendo Facebook, dove molti utenti lo stanno abbandonando a favore di altri social, tra i quali proprio Reddit.

Attualmente la sua IPO è stimata in un valore tra 15 e 20 miliardi di dollari, tutti i documenti sono stati già mandati alla SEC e si attende solo la data dell’ offerta pubblica iniziale che dovrebbe avvenire nel 2022.

3. Boston Dynamics

I robot sono già tra noi e l’ alfiere è Boston Dynamics, possiamo considerarla come la SpaceX della robotica.

Fondata nel 1992 al MIT di Boston agli inizi era una società di frontiera, dapprima è stata finanziata dalla Darpa (ente della difesa statunitense che si occupa dello sviluppo di nuove tecnologie), man mano si è fatta strada con le proprie gambe fino a mettere in commercio diversi robot che possono dare un grande aiuto in diversi ambiti.

Si occupa di tutta la loro ingegnerizzazione, sia hardware che software, e ha commesse importanti non solo dall’ esercito americano ma anche da società civili in svariati campi.

Leggi anche:  Inflazione e investimenti. Come proteggersi e dove mettere i soldi

Adesso è di proprietà di Hyundai che ha sborsato 1,1 miliardi di dollari per averla, ma il suo sbarco in borsa tramite una IPO si avvicina.

I sui prodotto di punta adesso sono Spot e Pick, disponibili in diverse versioni, e sono in rampa di lancio altri 3 diversi robot.

Il futuro è già tra noi

Semplicemente se si parla di robotica non ha concorrenza, ha una posizione dominante sugli altri operatori e si prevede che in un anno o due dovrebbe raggiungere una buona redditività e di conseguenza degli utili importanti.

Data la sua posizione nel settore è stata in grado di raccogliere fino ad ora importanti finanziamenti, ma ci si aspetta credibilmente la sua IPO nel 2022.

Il settore della robotica crescerà in media di circa il 20% annuo, arrivando nel 2027 a circa 100 miliardi di, e buona parte della torta la prenderà proprio Boston Dynamics.

Quando si parla di robotica si parla di un settore ad alto valore aggiunto, dove l’ esperienza e le capacità acquisite sono difficilmente scalfibili dai concorrenti, ecco perché può essere un buon affare il collocamento delle sue azioni in borsa.

4. Impossible Foods

Impossible Foods
Impossible Foods

Cibi impossibili, questo vuol dire Impossible Foods, ed è un’ azienda che si occupa di sostituire i cibi di origine animale con quelli vegetali.

Patrick O. Brown l’ ha fondata nel 2011 in California, con lo scopo di dare cibi alle persone con lo stesso sapore della carne ma senza i suoi effetti negativi sulla salute.

In pratica fa ricerche su determinate proteine e altre molecole vegetali per ricreare gusto e proprietà organolettiche classiche dei prodotti di origine animale e sostituirle.

Attualmente viene valutata più di 9 miliardi e la sua eventuale IPO dovrebbe attestarsi tra i 10-15 miliardi di dollari.

Fin’ ora ha ricevuto importanti finanziamenti privati, che attestano la bontà e le prospettive della società, anche da importanti personaggi, come il fondatore di Microsoft, ed è sostenuta da sportivi e artisti.

I consumatori chiedono sempre più cibi salutari e buoni

La richiesta di cibi salutari è in costante crescita, basta vedere il proliferare incessante di diete e cibi a base vegetale come dei negozi dedicati solo ai vegetariani, vuol dire che c’è una grande richiesta, e nei prossimi 20 anni si prevede una crescita del settore di 10 volte.

Il vantaggio di Impossible Foods è dovuto non solo al fatto di proporre cibi salutare, ma anche gustosi.

E stiamo parlando di un’ azienda che già ora distribuisce i suoi prodotti in più di 23.000 negozi, oltre a vantare importanti collaborazioni con catene internazionali, ecco perché la sua IPO facilmente può essere un successo.

Si sta espandendo in tutti i settori alimentari, dalla carne al latte fino ai cibi per l’ infanzia.

L’ aspetto, la consistenza e il gusto di questi prodotti sono uguali agli originali, se non meglio, a detta di chi li mangia.

Non abbiamo dati finanziari per quanto riguarda fatturato e utili, ma possiamo presumere che le prospettive sia ottime visti i grandi finanziamenti che ha ricevuto.

E sta diventando troppo grande per non quotarsi in borsa.

5. Databricks

Databricks
Databricks

Un ‘altra IPO a cui prestare attenzione è Databricks, startup software che si focalizza sull’ elaborazione di ingenti dati, e conta sul finanziamento di molti big del settore (Amazon, Microsoft) e venture capital.

Attualmente vale già 40 miliardi di dollari e per il 2022 le stime parlano di entrate pari a 1 miliardo, quindi è già ben posizionata nel suo settore.

Il software Azure di Microsoft già implementa Databricks, come anche colossi della telefonia e operatori via cavo.

In tutto ha già 6.000 aziende che usano i suoi software e sono in rapida ascesa, perché la società ha un piano di espansione globale aggressivo e già ora ha molti sedi all’ estero, in Europa, Asia, Oceania e Sud America.

Il mercato globale dei Big Data dovrebbe raggiungere i 150 miliardi di dollari nell’ arco di due anni.

Nello specifico il suo software si occupa di tutto quello che concerne lo stoccaggio e la manipolazione dei dati, la loro analisi in tempo reale e di connesso l’ apprendimento automatico e intelligenza artificiale.

Si ci affidano le più grandi aziende tech

Il problema oggi non è livello computazionale, ma gestire enormi quantità di dati che sono nella rete, e Databricks va ad operare e colmare le carenze che ci sono in questo settore.

Leggi anche:  Investire è semplice. 6 cose da sapere per non bruciare soldi

Chi riesce a gestire ed estrarre i dati in modo più efficiente ha un grande vantaggio rispetto alla concorrenza, ecco perché anche i grandi player si ci affidano.

La sua IPO dovrebbe arrivare quest’ anno (2022) e sicuramente è una delle migliori per quanto riguarda il settore della tecnologia.

Anche perché non si parla solo di stime e crescita futura, ma di clienti già presenti e paganti, tra cui anche i big della tecnologia e non solo, Microsoft, Nielsen, Amazon, Virgin, Riot Games e tanti altri.

6. Stripe

Stripe
Stripe

Infine vi voglio parlare di Stripe, società statunitense fondata nel 2011 che si occupa di pagamenti online, sia per le società che per i privati.

Si è fatta largo nei pagamenti online nonostante ci fossero già dei big affermati, come Paypal, questo grazie alla facilità d’ implementazione delle sue soluzioni e delle misure antifrodi che utilizza.

Tanto che ha un utilizzo molto vasto, dal piccolo negozio online alle grandi aziende, e ciò l’ ha fatta diventare una delle startup più ambite, visti i finanziamenti che riceve.

Sempre se si può chiamare ancora startup una società che vale 100 miliardi di dollari, si, avete capito bene.

I fratelli Patrick e John Collison sono tra i miliardari più giovani, e la futura IPO supererà facilmente i 100 miliardi di collocamento.

Ogni volta che si paga online c’è un’ alta probabilità di aver utilizzato Stripe, quindi si tratta già di una piattaforma molto diffusa e stanno spingendo ancora di più per migliorare il servizio ed espandersi.

Sono diversi anni che si parla di una sua IPO, e questo potrebbe essere l’ anno giusto.

Si è fatta largo nonostante Paypal e fratelli

Già adesso è un colosso con una posizione affermata, nonostante c’ erano già altri player affermati come Paypal, ciò vuol dire che la sua piattaforma è valida, pratica da usare, conveniente e semplice da implementare, qualsiasi attività si svolga online.

Supporta la stragrande maggioranza delle valute mondiali e tante modalità di pagamento, e non manca di un supporto clienti top, da quanto ho letto.

Per un investitore può essere un’ ottima società da non lasciarsi scappare al lancio della IPO.

Queste IPO che sono in arrivo sono sicuramente alcune delle migliori e per chi deve investire valgono sicuramente la pena di essere prese in considerazione.

Sono tutte aziende top con un vantaggio competitivo non indifferente nel loro settore di riferimento.

Quale piattaforma utilizzare

Se sei già un investitore saprai già che normalmente non puoi accedere alle IPO, e se ti appresti ad investire per la prima volta lo scoprirai subito, puoi investire solo sui titoli azionari che già sono quotati in borsa.

L’ unica piattaforma che ti consente di fare ciò in Italia è Freedom 24 di Freedom Finance, che oltre a dare accesso a tutti gli strumenti di investimento classici, offre in maniera del tutto gratuita la possibilità di accedere alle IPO.

E questo, visto il potenziale profitto del 60 % al termine del periodo di lockup, è sicuramente un aspetto da non trascurare nella scelta del proprio broker.

Il bello è che già sono selezionate da loro, quindi se vedi una società che sta per lanciare la sua offerta pubblica iniziale, ha già superato un primo screening.

Come partecipare

Le IPO sono un prodotto finanziario molto atteso, e la domanda supera di gran lunga l’ offerta ad ogni collocamento, visto che il loro numero è definito a priori.

Per poter acquistare il maggior numero possibile di azioni delle IPO è aumentare il rating sulla piattaforma.

Per aumentare il rating da subito è bene costruire un solido portafoglio d’ investimenti negli strumenti classici, quindi azioni, ETF, obbligazioni, opzioni, insomma gli strumenti dove siete soliti investire.

Il rating ha un punteggio da 1 a 5, 5 è il massimo e potrai ottenere più azioni.

In un certo senso vengono premiati gli investitori che utilizzano la piattaforma anche per gli investimenti classici, ed è anche giusto visto che si tratta di un servizio premium dove tutti vogliono partecipare, per di più gratuito.

La cosa migliore che puoi fare se vuoi avere accesso alle IPO è registrarti subito e usarlo per i tuoi investimenti “normali”, e quando vuoi investi anche nelle IPO.

*Gli investimenti in titoli comportano sempre il rischio di perdite di capitale e i risultati passati non garantiscono rendimenti futuri

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.